Mollia

Tombe profanate in cimitero del Biellese

Ci sarebbe una setta satanica dietro la profanazione, la scorsa notte, di due tombe al cimitero di Cossilla San Grato, nel Biellese. Sul luogo del ritrovamento delle salme, due donne morte a metà degli anni Sessanta, i carabinieri hanno trovato il disegno di una stella a cinque punte e di tre '6', numero che evoca il maligno. Le indagini proseguono nel massimo riserbo. Per entrare nel cimitero, sarebbe stato utilizzato un bastone per azionare il pulsante di apertura e chiusura del cancello elettrico. Quattro o cinque le persone coinvolte nella profanazione, secondo gli inquirenti, che non hanno reso noto che cosa sia stato fatto con i resti delle due salme, estratte dai loculi in cui si trovavano e dalle rispettive bare probabilmente per una messa nera. L'accesso al cimitero è stato vietato il tempo necessario per consentire ai necrofori di ricomporre le salme. Il parroco, don Paolo Boffa Sandalina, ha invitato i fedeli a riunirsi venerdì sera in una veglia di preghiera, sempre nel cimitero.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie